Google+ Followers

sabato 4 aprile 2015

SONO UNO SCHIAVO COME VOI



Molte persone in questi giorni, leggendo i miei post sulla schiavitù del lavoro, mi hanno scritto chiedendomi chi sono e cosa faccio per parlare come parlo...

Mi dispiace deludervi, non sono un benestante, non sono il classico figlio di papà, non ricopro una posizione sociale privilegiata rispetto a voi, se proprio volete saperlo sono uno SCHIAVO come voi.
Sgobbo otto ore al giorno dentro una fabbrica e proprio per questo scrivo quello che scrivo.

Ogni giorno che sono rinchiuso tra le mura del dovere, percepisco il furto del mio tempo di vivere.
Otto ore al giorno, sei giorni su sette per "guadagnarmi" un solo giorno di libertà settimanale?
Stiamo scherzando? Questa vita possiamo ancora definirla CIVILE?

Proprio perché trovo odioso tutto questo scrivo, perché io lo schiavo non mi abituo a farlo, né mai mi abituerò, pena la morte se questa significherà per me LIBERTA'.

Per me la vita va vissuta, non mi va di passare il resto della mia vita a servire un qualsiasi padrone che voi ora chiamate con rispetto "DATORE DI LAVORO", in attesa della ormai incerta pensione,

Cosa me ne faccio del tempo libero quando sarò ormai vecchio?? Lo userò per andare dal parrucchiere quando non avrò più capelli sulla testa? Lo userò per fare l'amore dovendomi imbottire di viagra e antidolorifici per i problemi alla prostata? Lo userò per ricordare i ricordi di gioventù in preda all'alzheimer che non mi farà più ricordare un cazzo?

No, io cari amici lotto ora che sono uno schiavo, non mi interessa sé perderò la mia battaglia, io lotto perché ciò mi da la forza di andare avanti.
Io sono nato con uno scopo, cambiare nel limite delle mie possibilità questo mondo, non sono nato per ringraziare altri uomini per avermi dato l'opportunità di lavorare, sono nato per essere me stesso e difendere i miei ideali

Io voglio contribuire a creare un mondo giusto, dove non esisterà più lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo.

Daniele Reale

1 commento:

  1. ottimo articolo ben detto, anch'io la penso cosi ,anche se ho una azienda e il lavoro ormai lo puo fare robot,automazioni,ecc ecc

    RispondiElimina