Google+ Followers

martedì 4 agosto 2015

Paola è morta lavorando a 3 euro l'ora, a 40° d'afa





PUGLIA: Paola è l'ennesima vittima di quella schiavitù socialmente accettata, chiamata "lavoro". Paola aveva 49 anni ed è morta nel modo più assurdo possibile, lavorando.

Come si può nell'anno 2015, morire lavorando?
Come possono accadere tragedie come questa in una società che pretende di definirsi "civile"? 
Come può accadere di morire mentre si tenta di guadagnarsi 
da vivere?

Sembra assurdo no? Dicono che lavorare serve a vivere, allora qualcuno ci spiega come mai la gente continua a morire lavorando?

Come si può permettere che un essere umano lavori otto, nove ore al giorno, in un tendone, con temperature che spesso superavano i 40° ? Paola era una bracciante di San Giorgio Jonico ed è subito diventata un fantasma per i media di regime, che ne hanno ignorato la notizia. 

Paola la mattina del 13 luglio per il caldo eccessivo che ha arrestato il suo cuore, a quanto pare, la paga si aggirava sui 27-30 euro al giorno, circa 3 euro l'ora. Secondo la ricostruzione del sindacato, Paola è stata trasportata al cimitero senza nemmeno ricevere l'intervento del 118 e senza essere sottoposta ad autopsia.

Colpa del caldo? Colpa della fatica? 
No, colpa di questo sistema fatto di ricchi e poveri, di sfruttati e sfruttatori, di padroni e di schiavi. 

E' il caso di dirlo, oggi nel moderno mondo datato 2015,
 si continua a morire di SCHIAVITU'....

Daniele Reale










24 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavori anche te a 40°?

      Elimina
    2. CHE C........ DI DISCORSO è?????????????????? NON TI PERMETTERE DI PARAGONARE NULLA , Cè LA MORTE DI UNA DONNA MADRE AMICA E FIGLIA DI QUALCUNO BUFFONE

      Elimina
    3. C'è chi se ne sta 8 ore in ufficio all'aria condizionata e chi 8 ore dentro ad una serra che col sole che c'è oggi è paragonabile ad un forno

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Diego, l'unica differenza è che tu non lavori a 40° e non mi sembra sia poca cosa.

    RispondiElimina
  3. Ho un amico che per lo stesso motivo è entrato in coma, sta reagendo; c'è la farà sicuramente.
    Ciao Alfredo..forza ti aspettiamo

    RispondiElimina
  4. Come dice quel pezzo di carta che non ha più valore!! A sì " l'Italia è una repubblica fondata sul lavoro " ogni individuo a pari diritti e dignità!!! Complimenti chi ha votato e sostenuto quel branco di Mafiosi del governo che hanno permesso questo scempio! Mi spiace per Lei R.I.P.

    RispondiElimina
  5. Come dice quel pezzo di carta che non ha più valore!! A sì " l'Italia è una repubblica fondata sul lavoro " ogni individuo a pari diritti e dignità!!! Complimenti chi ha votato e sostenuto quel branco di Mafiosi del governo che hanno permesso questo scempio! Mi spiace per Lei R.I.P.

    RispondiElimina
  6. secondo me si strumentalizza troppo la cosa, che ci sia lo sfruttamento non ci sono dubbi, ma se c'erano 40 gradi al lavoro c'erano anche al mare, quindi aveva problemi di cuore e sarebbe morta anche se prendeva 50 euro a ora non vi pare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ragionamento è? Uno al mare se ha troppo caldo entra in acqua, si fa una doccia, va al bar e si beve un drink ghiacciato...

      Elimina
    2. Che ragionamento è? Uno al mare se ha troppo caldo entra in acqua, si fa una doccia, va al bar e si beve un drink ghiacciato...

      Elimina
    3. Al mare se hai caldo te ne vai al fresco, al lavoro se hai caldo non penso che ti siedi all'ombra ad aspettare che cali il sole

      Elimina
  7. Donna di dignità. R.i.p.

    RispondiElimina
  8. questi i fatti, si sono LIVELLATI i diritti, ci hanno riportat0 agli anni 50\ altro che L'ITALIA RIPARTE il grave è la PREMEDITAZIONE DEL CRIMINE politico che amareggia e offende la dignita'

    RispondiElimina
  9. Il Lavoro in Italia,
    perché non ce n'è in abbondanza, ben remunerato e soddisfacente per il Cittadino-Comune_Lavoratore? ...

    https://www.facebook.com/taverna.briganti/posts/1191930397489423

    RispondiElimina
  10. Questo paesucolo è ormai regredito al medioevo, con tanto di servi della gleba. Anche chi lavora in industrie ritenute serie, oggi si vede falcidiare il già misero stipendio di quella parte di accordi sindacali fatti a suo tempo, per migliorare la vita di chi deve vivere di lavoro dipendente. E TUTTA la politica TACE su questo schifoso metodo liberista. Anzi si sta facendo in maniera che le imprese possano schiavizzare meglio i lavoratori. Quand'è che tutti, giovani e meno giovani si ribelleranno a questo schifo?

    RispondiElimina
  11. Se non lo provi sulla tua pelle,è impercettibile la differenza di lavori.
    Te lo dice una che è cresciuta sotto i teli,mattina e pomeriggio (che è ancora più tremendo visto che si lavora con il caldo più brutto dell'intera giornata), perchè è l'unica cosa che la nostra terra riesce ad offrire dagli anni '60. Ci siamo fossilizzati sotto quella visione di star bene e non si riesce più a tornare a galla. Mia madre ha 56 anni e nonostante abbia problemi,continua ad andare in campagna sotto questo caldo,perchè la fame fa piegare la testa in una maniera assurda e più passano i giorni e più vedo aumentare le ingiustizie davanti i miei occhi,che solo una frecata di mazzate ad ognuno,potrebbe farmi star bene. Sconvolgente è ancor di più,il fatto che se arriva l'ispettorato del lavoro tra i ceppi,tu devi dichiarare che percepisci 51 euro,come è scritto sulla busta paga,altrimenti rischi che perdi anche quella metà scritta nero su bianco ed il lavoro in genere in quell'ambiente. Le voci girano,le squadre di lavoro si formano e si informano. Se sei infame per un tuo diritto,resti solo a casa.

    RispondiElimina
  12. Io sono una ragazza di 23anni che lavora in campagna e vi assicuro che con questo caldo assurdo dentro le serre siamo arrivati a 58gradi e con un tasso di umidità enorme!! Però,quando hai solo quel lavoro che ti fa mangiare, ci vai anche con la febbre a lavoro, pur di guadagnare.questo è la cosa vergognosa, perché noi braccianti agricoli non veniamo tutelati da nessuno e quindi dobbiamo in un certo senso sopportare tante ingiustizie..

    RispondiElimina
  13. Ma quando cazzo imparerete a ribellarvi a queste forme di schiavitu?...la colpa e' anche NOSTRA.... che ci adattiamo senza diritti

    RispondiElimina
  14. PACE A TE PAOLA E CHE DIO BENEDICA TE E LA TUA FMIGLIA° AMEN°

    RispondiElimina
  15. PER "CAMBIARE" SENZA NECESSARIAMENTE UN FIUME DI SANGUE DOVER ATTRAVERSARE, IL "CONSIGLIO" POSTO NELL'ULTIMA PAGINA DELL'ULTIMO CAPITOLO DEL 6TERZO6TESTAMENTO6 SI DOVRÀ ASCOLTARE.

    RispondiElimina