Google+ Followers

giovedì 8 dicembre 2016

IL LUOGO IN CUI SI LAVORA DETERMINA LA NOSTRA VITA SOCIALE: Lavorare a giornata promuove solitudine e isolamento

Immagine correlata

Lavorare a giornata promuove solitudine 
e isolamento sociale



La fabbrica promuove la solitudine. 
Questo è un dato di fatto, e non sto parlando di quelle fabbriche per così dire privilegiate, dove il personale è composto sia da maschi sia da femmine, ma di tutte quelle fabbricacce, di quelle carpenterie, di quelle acciaierie, di quei cantieri dove gli uomini sono costretti nel 99% dei casi a lavorare a giornata, 8 ore se tutto va bene, ma anche 12 il più delle volte.

In questi luoghi tetri dove le rabbiose urla umane sovrastano il fracasso dei loro attrezzi e delle loro macchine, migliaia di uomini passano gran parte della loro esistenza.



Risultati immagini per lavoro fabbrica
E quel dolore, quella fatica e quell'isolamento all'avvicinarsi dell'età pensionabile si trasforma dapprima in affetto ed infine in nostalgia per quei luoghi grigi illuminati da fredde luci artificiali.
I colleghi spesso diventano gli unici amici, i capi le uniche persone rispettabili da cui prendere esempio.

In principio c'era la gioia data dalla libertà della pensione, ma alla fine non resta che la tristezza causata dall'aver perso anche quella minima socialità provata all'interno del proprio luogo di lavoro.

Una storia come tante di ordinaria follia, dove l'uomo non più umano, ma più simile alla macchina finisce con l'affezionarsi alla propria gabbia generosamente concessa dal giacca e cravattaro di turno, che al contrario dei suoi operai, ha passato la sua vita divertendosi, viaggiando, esaudendo uno ad uno i suoi desideri, anche se grazie al sudore altrui.




Ma allora la colpa è dello sfruttatore o del sfruttato?



Ognuno ne tragga risposta.


Risultati immagini per solitudine barQuel che vedo è che questi uomini mossi dall'errata idea che la vita è sacrificio e dovere, finiscono per non vivere affatto, e li vedi stanchi e sconfitti il venerdì sera al banco di un bar, spesso ancora vestiti da lavoro, spesso intavolando conversazioni che riguardano ancora una volta il lavoro, quel mondo di fatica e sacrificio che un tempo era visto come tale, oggi viene identificato come la fonte principale dei propri argomenti.

Non si parla neppure più di donne, ne di auto ne di moto, quelle sono cose per ragazzini dicono, che stanno ancora con la testa fra le nuvole, che sognano ancora e che pretendono di cambiare il proprio Paese, ma loro cosa sono? Uomini forse? 


Cosa ne è stato dei loro sogni, delle loro aspirazioni?


Risultati immagini per uomini soli
Io infondo li capisco, avverto il vuoto che provano a sentirsi isolati dal mondo, a passare i weekend davanti alla tv e a bere birra prima di iniziare un'altra settimana, capisco anche la frustrazione che provano gli uomini soli ad approcciarsi con l'altro sesso in un'era in cui rivolgere a qualcuno la parola significa per forza "provarci",   alcuni di loro però hanno famiglia e figli e in parte si sentono felici, ma molti, moltissimi, sono uomini soli, a volte disperati e a volte rassegnati, fin troppo rassegnati, poiché hanno finito per accettare filo per segno l'esistenza a loro proposta e per questo non danno il minimo accenno di ribellione, neppure oggi che la tecnologia delle macchine permetterebbe a tutti di dimezzare l'orario di lavoro, di faticare meno, guadagnando lo stesso stipendio.

E tutto questo significherebbe avere più tempo libero a disposizione, quindi uscire, socializzare, trovare lo stimolo per fare cose nuove, per diventare persone nuove...


Ma essi non sognano più, di conseguenza non desiderano più...


Risultati immagini per strada buiaUna cosa è certa: Il luogo in cui si lavora determina la nostra vita sociale, farà cambiare le nostre amicizie e le nostre abitudini e per chi è costretto al giogo infernale di lavorare a giornata o come dicevano gli antenati "dall'alba al tramonto", sa in partenza che questo lo porterà al totale isolamento. facendogli perdere progressivamente le vecchie amicizie e diminuendo drasticamente ogni contatto sociale. La sera saremmo sempre troppo stanchi per uscire, il weekend troppo svogliati per inventarci qualcosa da fare. E qui nasce il paradosso, poiché "Guadagnarci da vivere" ci porterà a non-vivere.

Tuttavia una via d'uscita c'è, spetta a noi unirci e decidere una volta per tutte di modificare l'orario di lavoro, fermo ancora alla tenebrosa Era Industriale, spetta a noi esigere di avere una vita sociale migliore, di veder finalmente piazze e vie dei nostri paesi brulicare di nuova vita e di nuovo entusiasmo.


Daniele Reale