Google+ Followers

giovedì 10 settembre 2015

La stupidità è la causa della nostra infelicità


"Nel mondo, è semplicemente la stupidità a generare tanta infelicità: siamo costretti ad adeguarci a determinati modelli, ma questi modelli non hanno alcun rispetto per gli individui. 

Chiunque si prenda la responsabilità di dominare le persone si comporta molto disumanamente, perchè degrada gli esseri umani, li priva della loro unicità, abolisce ogni differenza: obbliga tutti a mettersi le scarpe della stessa misura. Nessuno riesce ad adattarsi. Tutti soffrono. Tutti i vostri principi di vita hanno questo effetto.

Se non conosci la tua fonte di energia vitale, finisci inevitabilmente per seguire le regole del gruppo di persone tra le quali, per caso, ti sei trovato a vivere. Non fai altro che seguire le masse, ti limiti a fare tutto ciò che le masse considerano giusto. 



Per mantenere la tua rispettabilità, 
fingi di credere in molte cose 
che tu stesso consideri inutili, 
stupide o addirittura pericolose. 


Un po' alla volta, appesantito dal fardello di tutti i comandamenti che ti vengono imposti dall'esterno, ti dimentichi completamente di avere il diritto di vivere la tua vita in armonia col tuo essere interiore. 


Cominci a vivere una vita artefatta, 
una pseudo-vita, che non può soddisfarti, 
non può renderti felice, non può arrecarti gioia, nè verità; una vita che finirà per distruggerti, per farti sprecare una grande opportunità 
che l'esistenza ti ha offerto.



Forse nessuno vuole veramente cambiare. 
Per cambiare, occorre sforzarsi e l'uomo è uno scansafatiche. Cambiare, significa avventurarsi nell'ignoto, e l'uomo è un codardo, che sceglie di rimanere nella dimensione da lui conosciuta. Può anche essere fonte di infelicità, ma per lo meno è conosciuta. 

L'uomo non uscirà mai dai confini di ciò che conosce perchè, chissà? Ci si potrebbe perdere nell'ignoto. C'è il rischio di non poter più tornare a casa, di non ritrovare più la stessa infelicità, la stessa moglie, lo stesso marito, le stesse angosce e gli stessi problemi

Maestro Osho



Nessun commento:

Posta un commento