Google+ Followers

lunedì 13 giugno 2016

Impariamo a farci l'energia elettrica in casa e fanculo le bollette!



di Liliana Nechita


La vita quotidiana è un continuo pagare e lavorare, lavorare e pagare, sembra che non possiamo più uscire da questo circolo, spendiamo le nostre energie per pagare l’energia che consumiamo di sera quando arriviamo a casa dal lavoro.

E così che succede e la cosa più difficile da sopportare è che le tasse nascoste raddoppiano le nostre bollette.

Non si sa perchè paghiamo così tanto e anche se sappiamo le ragioni non possiamo rassegnarci, il pensiero che potevamo pagare di meno è sempre lì. Per questo vi voglio presentare una turbina idraulica che può fornire energia elettrica per una casa, per un gruppo di case oppure per una comunità intera.

Si parla di energia rinnovabile, del rispetto per l’ambiente e dei modi per diventare independenti dal punto di vista energetico.

Il prodotto è svizzero e si chiama Kompakt WASSERKRAFTWERK. (http://www.google.com/patents/DE202012004846U1?cl=de)

L’Italia è un paese pieno di fiumi, di corsi d’acqua, di paesi isolati ma anche di città costruite sulla riva di un fiume. Ed è proprio l’ambiente ideale per utilizzare queste turbine che non fanno altro che trasformare l’energia naturale in energia elettrica.

Come funzionano e dove è la novità?

Le nuove turbine possono essere individuali, quindi per una sola famiglia, ma anche grandi, per un intero paese, non hanno bisogno della presenza di un lago per accumulare le acque e non hanno bisogno di una diga.

Possono usare i piccoli corsi d’acqua, di solo 0,12 metri cubi/seconda e il dislivello può essere solo di 0,5 metri.

C’e bisogno di poco terreno per mettere la turbina idraulica.

La posizione della turbina e laterale, segue il corso dell’acqua, non lo interrompe e non crea disagi, proteggendo in questo modo la natura e i suoi ritmi normali. La produzione continua anche se il flusso d’acqua varia e la turbina non si distrugge in caso di alluvioni.

Non si deve pensare quindi a grossi investimenti e nemmeno a grossi corsi d’acqua, sono ugualmente utilizzabili anche quelli piccoli. A me l’idea mi piace perchè ci da la possibilità di esseri independenti, di non pagare più delle bollete stravaganti e di avere un tipo di libertà, quella di non essere più agganciati a una rete, ma di fare tutto da soli

E’arrivato il tempo che non solo i biscotti si fanno in casa, ma anche l’energia elettrica.

E perchè no?

La Madre Terra è cosi generosa con noi che sarebbe un peccato non usare i suoi doni...




Fonte: http://italiainsieme.net/non-solo-biscotti-si-fanno-casa-anche-lenergia-elettrica/

1 commento:

  1. come si fa a piazzarla nel demanio pubblico?

    RispondiElimina