Google+ Followers

venerdì 18 dicembre 2015

Cenone e panettone generosamente offerto dai tuoi sfruttatori




















Natale si avvicina, e come ogni anno inizia la solita, patetica, messinscena delle ceste regalo, generosamente offerte da coloro che ci sfruttano per l'intero corso dell'anno.

Eppure, questo gradito ma insignificante gesto (se confrontato con la vendita del nostro preziosissimo tempo in cambio di soldi, pochi, troppo pochi, rispetto al nostro valore in quanto esseri umani unici e irripetibili) fa colpo ogni anno sul cuore dei lavoratori, che una volta ricevuta la cesta natalizia, se ne andranno in giro raccontando ad amici e parenti, quanto generoso è il suo padrone, pardon, datore di lavoro.

Ma io dico, se invece di regalare ceste contenenti panettoni, spumante, mandorlato e cioccolato, si pensasse una volta tanto a regalare del tempo libero alle persone? 


Non so, magari dire: "Voglio che questo Natale passi più tempo con i tuoi figli, ti allungo le ferie di altri tre giorni..."

Una cesta natalizia non è un dono generoso, ma solo un osso per tenervi buoni, per continuare a farvi subire e accettare in silenzio straordinari e flessibilità sempre più oppressivi.

Che dire poi dei cenoni aziendali? 
Altra immane stronzata, la sola idea di passare un giorno di ferie all'intero di una tanto odiata fabbrica mi fa venire il ribrezzo, eppure la gente ci va volentieri, forse perché le ore passate tra fabbriche e uffici, oggi sono ormai tali da superare alla lunga quelle passate in famiglia...e quindi il lavoro, drasticamente, diventa una seconda casa, a volte persino la prima.

Pensate se invece di spendere inutili soldi nei cestoni natalizi, le aziende pensassero a sistemare gli impianti dannosi dell'aria condizionata, che tanti dolori articolari provocano ai lavoratori.
Pensate se con quei soldi organizzassero mense migliori, parcheggi migliori, servizi igenici migliori...

Quando si inizierà a vedere il lavoratore come un essere umano e non più solo come un servo-robot dedito alla produzione?

Daniele Reale

Nessun commento:

Posta un commento